Saluto ai visitatori del sito

Un saluto ai visitatori del sito. Come si legge nella voce di menù "La nostra storia", Spazio Minerva ha modificato la ragione sociale ma non la sua mission. Attraverso il sito è resa ancora più evidente la volontà di mantenere alta la memoria del lavoro svolto, perché vale sempre la logica generale che non si può progettare il futuro senza conoscere il passato. Al tempo stesso il sito informerà sull’intera attività da realizzarsi anche con nuovi strumenti di comunicazione.
Scorrendo sul fondo della homepage i pulsanti, con le immagini del contenuto, introducono agli argomenti trattati che si agganciano fra loro con numerosi link. I cataloghi delle varie iniziative sono stati digitalizzati e quindi scaricabili da più voci di menù.
Volutamente il layout non cede a standardizzazioni estetiche e funzionali, sicuramente efficaci per la visione ma non sempre originali anche nei contenuti. Uniformare la visione creando modelli uguali o simili contrasta con l’idea stessa del fare arte.
Al momento non è possibile accedere alla Biblioteca/Emeroteca, nonostante siano già previsti i relativi bottoni di accesso alle singole voci, il cui contenuto sarà pubblicato per fasi. Analoga condizione riguarda la rassegna stampa sulle varie iniziative che, una volta realizzata anche parzialmente, sarà accessibile da più voci di menù.
Nell’immediato futuro sarà possibile visionare anche l’attività di Spazio Minerva svolta attraverso Instagram e altri social, ma al momento la visione può avvenire soltanto attraverso la app..
Per quanto possibile potrà diventare anche un collegamento diretto con gli amici artisti, ma anche un momento di riflessione sulle culture e su ciò che accade nel mondo non solo dell’arte. Si proverà a tirare fuori dalla biblioteca libri e riviste che ci faranno scoprire/riscoprire quel gusto un po’ passato del valore della conoscenza attraverso il fascino della carta stampata.
Il sito sarà una piccolissima luce per mantenere viva la memoria e uno stimolo ad essere presenti attivamente e consapevolmente nella contemporaneità, senza cedere a mode, semplificazioni, individualismi e soprattutto senza cadere nell’ indifferenza e nell’insensibilità.

Via della Madonna 35/a  
56040  Montescudaio (Pisa)
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.